Librerie dal mondo – Shakespeare and Company

Buongiorno Viaggiatori! 

Oggi ricomincia ufficialmente l’attività qui sul blog! Spero che mi abbiate perdonata per l’assenza prolungata ma è stato davvero un periodo intenso… e ricco di soddisfazioni!

Per chi non lo sapesse, mi sono laureata venerdì, è andato tutto come doveva andare e sono contentissima! Tra l’altro ho già ricevuto una proposta di lavoro quindi.. non avrei potuto chiedere di meglio!

Conto in ogni caso di portare avanti il blog, al meglio delle mie possibilità. Ci tengo veramente tanto e farò di tutto per continuare a stare tra voi.

Ma ora.. basta chiacchiere!

L’articolo di oggi riguarda una famosa libreria di Parigi, la “Shakespeare and Company” per l’appunto. Girovagando su Internet ho trovato un sacco di informazioni che riguardano la sua storia e ho deciso di parlarvene qui.

La Shakespeare and Company è una delle librerie storiche di Parigi, situata nel quartiere latino, sulla Rive Gauche. Fu fondata nel 1919 da Sylvia Beach, nel 1921 venne trasferita  dalla sua posizione originaria in Rue de l’Odéon dove rimase fino al 1941, anno in cui, a causa dell’occupazione tedesca, venne chiusa e mai più riaperta. Originariamente era un punto di ritrovo importante per i grandi letterati dell’epoca, primo fra tutti James Joyce.

La sua attività non si limitava alla vendita di libri. Anzi! La titolare era una vera e propria guida turistica della città che si occupava anche di organizzare gite  nelle case degli scrittori.

Successivamente attivò anche un servizio di prestito libri per chi non poteva permettersi di acquistarli. Infine, mise a disposizione anche una stanza da letto per coloro che volevano fermarsi a riposare in un luogo incantato.

Fu così che la Shakespeare and Company divenne ben presto un importante punto di riferimento della città e della vita culturale parigina.

Sylvia Beach è considerata anche la rappresentante della resistenza in quanto mantenne aperta la sua attività nonostante l’occupazione tedesca.

Non solo! Fu anche la prima a pubblicare l’Ulysses di James Joyce, censurato in Francia.

Nonostante gli sforzi però, la libreria cedette all’occupazione e venne chiusa nel 1941.

Nel Dopoguerra, la Shakespeare and Company venne riaperta grazie ad un altro libraio, George Withman. Americano, vagabondo, arriva a Parigi ed inizia ad acquistare i libri prestandoli poi a pagamento. In questo modo diede vita ad un nuovo punto d’incontro in cui letterati e persone comuni si riunivano per scambiarsi libri, consigli e opinioni. Questo era il nucleo di quella che successivamente diventò la sua libreria, “Le Mistral”, che ha aperto i battenti nel 1951. Nel 1964, dopo la morte di Sylvia Beach, il proprietario decise di ribattezzarla Shakespeare and Company per onorare la libreria storica.

E’ ancora un luogo nevralgico, gestito dalla figlia di Withman. Propone un vasto catalogo di libri, sia nuovi che usati.

Di recente, è stato aperto anche un bar nell’edificio adiacente la libreria. Qui clienti e visitatori possono godersi la lettura di un buon romanzo sorseggiando un caffè e mangiando un pasticcino.

Personalmente trovo molto affascinanti questi luoghi.. chissà che un giorno non riuscirò a visitarla? E voi? Ci siete stati?

Elaysa

Curiosità

viaggiandotramondidicarta View All →

Amante della lettura e di tutto ciò che riguarda questo mondo; lettrice appassionata o meglio dovrei dire... divoratrice di libri! Scrittrice amatoriale e sognatrice..

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: