SEGNALAZIONE – Scendo all’Inferno ma mi fermo in Paradiso

Buon pomeriggio Viaggiatori!

Come ogni mercoledì arriva puntuale l’articolo segnalazione.
Oggi vi segnalo un libro che ho visto ultimamente sui social.
Sono stata immediatamente attratta da ogni singolo particolare di questo libro, ancor prima di leggere la trama. Prima di tutto titolo e copertina, molto particolari. E poi, ovviamente dall’autore senza nome.
Una scelta strana ma con una motivazione ben precisa.
Una volta letta la trama ho capito tutto.


Titolo: Scendo all’Inferno ma mi fermo in Paradiso
Autore: Padre Anonimo
Casa editrice: Europa Edizioni
Prezzo di copertina: € 12,90
Disponibile anche in ebook!


Sinossi: Un groviglio di emozioni che ti stringe stretto, che ti toglie il respiro, la vista si annebbia e non riesci più a vedere ciò che di bello ti circonda ma, soprattutto, non riesci più a vedere te stessa. L’Anoressia è come un groviglio che ti attanaglia, ti lega con fili di ferro che ti lacerano corpo e anima. Le ferite non sanguinano, ma le senti bruciare fin da in fondo gli occhi, che come si dice sono lo specchio dell’anima, sin dentro il cuore. 
Briciola ha solo 12 anni quando sprofonda inconsapevolmente nel dramma dell’Anoressia, precipitando come dentro ad un ascensore che la porterà, insieme alla sua famiglia, verso l’Inferno. Una storia scritta sulla pelle più che sulla carta, con un inchiostro indelebile sul proprio corpo, per cercare di cancellare o quantomeno coprire le cicatrici e i segni delle tante ferite lasciate da una malattia che devasta anima e corpo. Un elogio al grande amore che lega una figlia ai suoi genitori ma anche il percorso inverso di un padre, divorato dai sensi di colpa, che non si dà pace finché non rivedrà il sorriso di sua figlia. Un viaggio complesso, pieno di solitudine, paure, incomprensioni e rabbia, ma altrettanto carico di significati positivi e capace di lasciare un messaggio finale di grande amore, l’unica cosa alla fine che potrà farti evitare di salire in quello strano ascensore per l’Inferno o aiutarti, se già ci sei dentro, a trovare la tua fermata per il Paradiso.

L’autore: cinquant’anni, imprenditore, uomo impegnato ma anche padre presente. Eppure l’Autore sente di essersi perso qualcosa per strada, colpevole per non aver saputo vedere o prevenire il malessere di sua figlia. Da qui la scelta di restare anonimo, per proteggere appunto la sua bambina e non farle rivivere quel dramma esponendola ancora una volta al giudizio degli altri.
Al tempo stesso l’Autore ha voluto però raccontare la sua storia, convinto e fiducioso che queste sue poche pagine possano essere di aiuto a quei genitori e figli che si trovano sfortunatamente in bilico sul baratro della Anoressia.
 

Elaysa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...